venerdì 13 febbraio 2015

Big Hero 6 in... 6 mosse


Oggi parliamo di colorazione. Per l'occasione, utilizzerò il disegno di Big hero 6 realizzato un paio di giorni fa. Non ho intenzione di realizzare un vero e proprio tutorial, perché ho imparato che seguire meccanicamente delle istruzioni impartite, insegna poco o nulla.Quello che intendo fare, è dare un'idea più o meno precisa dei vari passaggi che di solito impiego nella colorazione, come interpretarli e svilupparli, spetta esclusivamente a voi ;)
Cominciamo:

In primo luogo stabilisco con una colorazione piatta, quali saranno i colori di base da utilizzare, sia per avere un'idea abbastanza chiara di quello che accadrà in seguito, sia per delimitare le zone di colore. Io preferisco dedicare un layer ad ogni colore ( sembrerà pazzesco, visto che così facendo i file si appesantiscono tantissimo, ma è necessario per la mia tecnica. Voi siete liberi di fare come credete ), o eventualmente, nel caso ci sia un ambiente da colorare, un layer per ogni singolo oggetto presente nella scena. Il perché è presto detto. Nel caso in cui si debba ricorrere a piccoli stratagemmi per correggere eventuali errori, è molto più semplice farlo su un layer in cui vi è solo il colore del singolo oggetto, piuttosto che esser costretti ad estrapolare la porzione di colore interessata da un layer più "complesso". Per cui, per l'immagine seguente, potete immaginare la presenza di ben 12 layers.


Il passo seguente consiste nel farsi un'idea iniziale di come distribuire luci ed ombre, niente di definitivo, solo un'idea appunto. Per farlo inizio a distribuire molto delicatamente le zone d'ombra.
Attenzione, è assolutamente vietato l'uso del livello moltiplica. Sporca, è grezzo, e difficilmente permette una distribuzione graduale dell'ombreggiatura. Meglio limitarsi a selezionare una tonalità di colore leggermente più scura, magari appena percettibile.
P.s. come potete notare, l'armatura di Hiro ha cambiato tonalità passando da un turchese ad un violetto. Se l'immagine precedente fosse stata colorata in un unico layer sarebbe stato molto complicato, in questo modo invece, la modifica è stata fatta in tre soli click.


Qui c'è poco da dire, mi limito di solito ad accentuare le ombre e impostare qualche punto luce. 



Luci ed ombre non si realizzano solo aggiungendo bianco o nero alla tonalità di base, per rendere davvero bene l'idea, bisogna sfruttare le luci dell'ambiente. Illuminazione elettrica, una fiamma, la luce di un neon, quella notturna, costituiscono la cosiddetta " luce di riflesso".
Purtroppo, mancando un fondale in questo disegno, non è possibile spiegarmi meglio, sappiate che mi sono limitato ad aggiungere un tocco di colore alle armature di Hiro e Baymax.



Qualche puntino bianco per aumentare la lucentezza. Utili più che altro, per rendere l'idea del materiale delle due armature. Dall'effetto plastico dell'immagine precedente, a quello metallico qui visibile, c'è solo qualche piccola lucetta bianca.



Quasi finito, ci mancano solo alcuni dettagli.
Con l'uso di un pennello texturizzato, ho dato ai pantaloni di Hiro un effetto "tela", e le macchie bianche presenti sul suo volto aiutano a far notare la presenza del vetro del casco. 



Ed ecco qua, in sei passaggi l'illustrazione è terminata ^_^
A parte la perdita di tempo iniziale dovuta alla realizzazione dei vari layer, il resto procede in fretta.
Ora, ricordatevi che questi sono passaggi puramente indicativi, basati sul mio modo di procedere,  sta a voi adesso trovare la tecnica più adatta al vostro stile. Quello che conta davvero in realtà, è trovare un proprio ordine mentale nel processo creativo, sapere come procedere e non imparare a memoria una serie di istruzioni, cosa che anzi, ritengo esser controproducente. Io stesso ho sprecato un sacco di tempo inutile studiando colorazioni altrui, senza esser soddisfatto poi dei risultati ottenuti.
Spero comunque di esser stato d'aiuto a chiunque cercasse un input per iniziare a studiare la colorazione digitale.

Alla prossima ^_^


Nessun commento:

Posta un commento