martedì 24 febbraio 2015

Mypaint 1.1


Da qualche tempo ho un pò di difficoltà a realizzare disegni completi da mostrare qui nel blog, pare che la Musa se ne sia andata e non sembra aver intenzione di tornare a breve.
Per cui, anziché postare il solito schizzo fatto in fretta e furia, preferisco approfittarne per parlare di Mypaint 1.1
Chi, in passato, ha già seguito il blog, saprà che considero questo programma molto importante per la preparazione dei disegni digitali, in quanto, pur essendo un open source e quindi un prodotto "amatoriale" se vogliamo, presenta delle particolarità che software più "nobili" non hanno.
Ma andiamo con ordine.
Innanzitutto specifichiamo che la seguente recensione riguarda la versione 1.1 per windows, uscita a più di un anno di distanza da quella per le altre piattaforme. Questo perché la versione per windows presenta problemi di compatibilità del codice sorgente e non ci sono molti "tecnici" interessati o disposti a collaborare allo sviluppo del programma per questo sistema operativo. Fortunatamente qualche anima pia ha deciso di regalarci questa versione che, seppur incompleta e con qualche piccolo bug, è comunque in grado di funzionare.
Vediamo le novità


La prima cosa che colpisce è la nuova interfaccia. Sulla sinistra abbiamo un selettore dei colori, al centro la solita tela "infinita" e sulla destra abbiamo i pannelli dei livelli, i settaggi dei pennelli, e l'elenco degli strumenti. Si possono comunque aggiungere o togliere pannelli per personalizzare l'interfaccia utente in base alle proprie esigenze




Una delle novità più importanti, è la selezione dell'area di lavoro attraverso l'apposita finestrella.
Se nelle versioni precedenti era necessario esportare il lavoro a 72 dpi, ora invece è possibile impostare la risoluzione dell'immagine fino ad un massimo di 300 dpi.
Inoltre è sempre possibile lavorare sulla "tela infinita" e selezionare l'area di lavoro in un secondo momento.




Ecco un'altra delle novità della nuova versione. È adesso possibile inserire una trama di fondo, per dare ai nostri disegni una texture particolare.



Nuove modalità di composizione dei livelli che però, a dir la verità, non ho sperimentato. :p



Il selettore colori, che nelle versioni precedenti era unico e visualizzabile esclusivamente cliccando nel quadratino di colore presente nella barra degli strumenti, ora è visualizzabile in una colonna a se, ed è possibile scegliere tra diversi tipi di selettore. Personalmente preferisco questo, in quanto più simile a quello di photoshop, a cui sono già abituato. 



Come nelle versioni precedenti, Mypaint mette a disposizione un grandissimo assortimento di strumenti ( facilmente modificabili per venire incontro alle esigenze dell'utente ). Qui in figura ho voluto mostrare solo quelli di base, ma ce ne sono davvero tantissimi, perfetti per creare effetti particolari, molto simili a quelli della pittura tradizionale.



Ed ecco uno dei punti forti del programma. La possibilità di personalizzare, per ogni strumento, le impostazioni di pressione. Come nei settaggi della tavoletta wacom, è qui possibile, al variare della curva, definire spessore e opacità del tratto.
Se questa opzione è presente in Corel Painter, infinitamente più complessa però, è bene specificare che in Photoshop è del tutto assente.


Queste, ovviamente, sono solo alcune delle migliorie apportate al programma, ma poiché il mio processo creativo prevede l'uso di più software per arrivare al prodotto finito, mi sono limitato a studiarne solo le componenti che più mi interessano. Ma è tutto oro quel che luccica?
Purtroppo no, ma per quanto possano esservi difetti, il programma resta comunque molto valido a mio avviso. Continuiamo con un'analisi di Pro e Contro per conoscerlo meglio.

PRO:
  • Sistema di pressione superiore a quello di programmi più rinomati. La possibilità di modificare le impostazioni di pressione di ogni singolo strumento, permette di avvicinarsi ulteriormente ai risultati di un lavoro tradizionale.
  • Sistema di blending dei colori simile a quello di Paint Tool Sai, il che permette di ottenere un tratto e, soprattutto, sfumature di colore più "morbide".
  • Per le suddette ragioni, le matite ( o meglio i carboncini ) di mypaint sono di quanto più vicino possibile ci sia alla matita reale, la classica HB. Molto importante per chi, come me, necessita di un tratto preciso prima di dedicarsi alla colorazione.
  • Per quanto l'area di lavoro possa essere infinita, le risorse utilizzate dal programma sono nettamente inferiori a quelle utilizzate da altri software, permettendo così un lavoro privo di lag, con un tratto più naturale, e diciamolo, meno incazzature XD
CONTRO:
  • Il programma purtroppo non è ancora stabile, l'utilizzo di certi comandi, ( come ad esempio, l'importazione di vecchi pennelli) causa ancora qualche crash. Fortunatamente, anche quanto ciò avviene, è sempre possibile salvare il lavoro, riavviare il programma, e riprendere da dove lo si era lasciato, senza ulteriori problemi. 
  • Di tanto in tanto, soprattutto per tavolette grafiche sensibili all'inclinazione della penna, compaiono dei leggeri tratti non voluti. I difetti possono essere irrilevanti, ma non per questo meno fastidiosi.
  • Un grosso, enorme deficit del programma, che evidentemente gli sviluppatori si sono dimenticati di correggere in questa nuova versione, è la mancanza di qualsivoglia strumento di selezione e modifica. Spero di vederne in una futura versione 1.2, anche se, credo, ci vorrà davvero parecchio prima di poterla sperimentare su Windows.

Detto ciò, credo non ci sia altro da aggiungere. Quindi, se siete alla ricerca di un'alternativa a programmi più complessi, non siete soddisfatti degli strumenti del vostro software, o se come me, semplicemente vi piace sperimentare, vi consiglio caldamente di provarlo.

P.s. trattandosi di un progetto in costante sviluppo e poiché una ricerca su google porta a molti risultati differenti, si consiglia di scaricare la versione 1.1.1. risalente al 2 Febbraio 2015 ( o al massimo, chiedere al sottoscritto )

Alla prossima ^_^


Nessun commento:

Posta un commento